Decorazione,  Progetti,  Tutorial

Lo sgabello dei ricordi: la volpe

Tutto comincia da qui

da questo albero abbattuto per motivi di sicurezza, dai luoghi della mia infanzia, la casa in campagna dei nonni dove ho maturato la mia passione per la natura e per tutto ciò che è familiare ed autentico. Il mio babbo mi aveva promesso che da quel legno ne avrebbe ricavato dei ricordi e da quella promessa è nato questo sgabello. Le sue abili mani fatte di passione semplice, di chi si misura con abilità sconosciute soltanto per piacere non per professione,  hanno prodotto un pezzo vintage dalle linee imprecise e volutamente grezze.


Lo sgabello mi riporta in mente l’inverno, il piacere di sedersi di spalle al fuoco per godere di un calore rigenerante, e, motivata dal mio ultimo acquisto pre-natalizio, la volpe Grignotte, ho pensato di riprodurre la stessa sagoma sullo sgabello.

Il disegno, abbozzato a matita, è stato ricalcato con un pirografo per bruciarne i contorni e poi colorato con un gioco di contrasti ad impregnanti ad acqua. Ebbene si, solo due colorazioni di impregnante mi hanno permesso di decorare lo sgabello e lasciare ben evidenza il disegno. La bruciatura consente di impregnare aree vicine senza sbavare….trovo che sia una soluzione fantastica. Prodotti della Decorlandia-light: soluzione scurente noce e soluzione scurente cenere.

Procedimento:
1. disegna la bozza del disegno con una matita, direttamente sul legno grezzo
2. brucia i contorni tracciati, con il pirografo (armati di pazienza e precisione)
3. colora il disegno utilizzando degli impregnanti di differente colore. Io ho utilizzato il noce per coda, corpo e orecchie; viso e pancia nessun colore; esterno del disegno con impregnante grigio; tutto il resto della struttura con entrambi gli impregnanti per creare effetto ossidazione del legno invecchiato naturalmente.
4. paraffina solida strofinata su tutta la superficie
5. lucidatura con paglietta metallica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.